Ottobre 2020: Google rilascia ufficialmente il programma “Schede di prodotto gratuite” in Italia. I primi account Google Merchant Center iniziarono a raccogliere dati ed i risultati sono fin da subito molto interessanti, in quanto si tratta di traffico NON A PAGAMENTO ed estremamente profilato.

Nei giorni successivi, i primi marketers e consulenti Google Ads per e-commerce iniziarono a porsi una domanda: “Come posso tracciare i risultati organici di Google Shopping?“.

In questa guida voglio illustrarti come abbiamo affrontato questo problema in Ecommerce Ads e le modifiche che abbiamo apportato al nostro metodo nei mesi successivi.

Ma prima, facciamo un passo indietro…

Cos’è il programma Schede di prodotto gratuite?

In cosa consiste concretamente il programma “Schede di prodotto gratuite”? Dove verranno visualizzati i prodotti del mio e-commerce una volta attivata questa funzione in Merchant Center?

Andiamo con ordine, partiamo con la definizione fornita da Google tramite la guida ufficiale:

Partecipando alle schede di prodotto gratuite, le offerte dei tuoi prodotti potrebbero essere idonee a essere mostrate su diverse piattaforme Google, come la scheda Shopping, Ricerca Google, Google Immagini, Google Maps e Google Lens.

Concentriamoci prevalentemente sulle schede Shopping e risultati di ricerca. Ecco quindi quali sono i vantaggi principali offerti da Google Shopping “gratis”:

  1. I risultati della scheda Shopping comprenderanno principalmente i posizionamenti gratuiti;
  2. Maggior visibilità dei prodotti, anche se fai campagne a pagamento;
  3. Facilità di implementazione: se hai già un’account Merchant Center attivo non dovrai fare altro che attivare il programma nella tab “Gestione Programmi”;
  4. Per chi non fa adv tramite Google Ads, questa funzione facilita l’ingresso alle potenzialità di Google Shopping;
  5. Traffico profilato a costo zero.

Inizi ad avere le idee più chiare? Continua la lettura, ci sono altre informazioni molto interessanti che ti aspettano 🙂

Come posso attivare il programma Schede di Prodotto Gratuite?

Se possiedi già un’account Merchant Center ti basta entrare nella tab “Gestione Programmi”, attivare il programma e seguire le indicazioni fornite dalla piattaforma. Il processo è molto semplice e richiede pochi minuti.

Gestione programmi Google Merchant Center
Programmi Google Merchant Center

Ricordati di verificare che la destinazione “Schede Gratuite” sia correttamente attivata per il tuo feed di riferimento.

Ora che abbiamo fatto una panoramica generale, possiamo procedere.

Tracciare i risultati di Google Shopping gratis in Analytics

Entriamo nel cuore di questo articolo. Tracciare i risultati portati dagli annunci gratuiti in Google Analytics è fondamentale perché oltre a capire esattamente quante entrate generano le schede gratuite, se non vai a tracciare questa fonte di traffico queste entrate in più confluiranno in google / organic, generando quindi imprecisioni nel tracciamento.

N.B:

i tre metodi descritti qui sotto sono stati realizzati tenendo conto della codifica automatica ATTIVA all’interno di Google Ads e del collegamento tra Analytics e Ads ATTIVO.

Il primo metodo di Ecommerce Ads:

Qualche giorno dopo l’uscita di Google Shopping Free in USA, abbiamo cercato immediatamente di individuare una possibile soluzione. Ecco il link di un video molto dettagliato realizzato dal mio collega Alberto Boccia: https://bit.ly/2OaQ0aw

Pro:

  • non intacchiamo altre funzionalità delle piattaforme;
  • funziona correttamente.

Contro:

  • duplicazione dei prodotti in Merchant Center;
  • difficoltà di gestione di un doppio feed;
  • margine di errore nell’implementazione più alto, con il rischio di disapprovare tutti i prodotti.

Il secondo metodo:

Se tieni traccia dei click provenienti da Google Shopping Free, molto probabilmente utilizzi questo metodo.

Aggiungiamo i parametri UTM all’attributo link [link] tramite le regole di Google Merchant Center. Il contenuto dei parametri “utm_source”, “utm_medium”, “utm_content” può essere popolato a piacimento.

Impostazione UTM nell'attributo LINK tramite la funzione "Ottimizza URL"
Impostazione UTM nell’attributo LINK tramite la funzione “Ottimizza URL”

In Ecommerce Ads solitamente utilizziamo i seguenti valori:
“utm_source” -> google
“utm_medium” -> shopping_free
“utm_content” -> ID PRODOTTO

STEP 2 – Esclusione override in Google Analytics:

L’ultima operazione da effettuare consiste nell’andare a DISABILITARE l’override dei valori UTM all’interno di Google Analytics. Accedi al tuo account e segui questo percorso: Proprietà > Impostazioni Proprietà.

Impostazione per l'ovverride del GCLID con i parametri UTM in Google Analytics
Impostazione per l’ovverride del GCLID con i parametri UTM in Google Analytics

Pro:

  • unico feed;
  • facilità di implementazione;
  • sistema funzionante.

Contro:

  • le metriche in tempo reale in Google Analytics sono “sporche”;
  • la codifica manuale all’interno di Google Ads non funziona;
  • mandiamo dei dati che Analytics dovrà rielaborare tramite la codifica automatica.

Il metodo attuale:

La soluzione che utilizziamo attualmente in Ecommerce Ads per tracciare Google Shopping gratis utilizza gli attributi ads_redirect, link e display_ads_link .

Il funzionamento è molto semplice e comprensibile: aggiungiamo i parametri UTM soltanto all’attributo link inviando a Google Ads url dei prodotti senza parametri.

N.B:

ricordati di utilizzare gli attributi NON elaborati, andando quindi a scegliere gli attributi che contengono il nome del tuo feed: Feed nome.link

Abbiamo già visto come aggiungere i parametri UTM al tuo link tramite le regole di Google Merchant Center, segui lo step descritto in precedenza QUI.

Gli attributi ads_redirect e display_ads_link non sono molto utilizzati, ma sono il cuore di questo articolo. Qui sotto trovi le due definizioni rielaborate che vengono fornite da Google:

Cos’è l’attributo ads_redirect?

Utilizza l’attributo ads_redirect per specificare parametri aggiuntivi delle pagine di destinazione nella pagina del prodotto che vuoi utilizzare per i tuoi annunci Shopping.

Tieni presente che quando specifichi un URL di monitoraggio per l’attributo ads_redirect, gli utenti verranno inviati a quell’URL anziché al valore specificato negli attributi link o mobile_link.

Cos’è l’attributo display_ads_link?

Quando un utente fa clic sul tuo articolo in un annuncio di remarketing dinamico, viene indirizzato a questo URL.

Deve rimandare a una pagina in cui viene mostrato l’esatto articolo a cui l’utente era interessato. Questo attributo sostituisce entrambi gli attributi link e ads_redirect solo per le campagne di remarketing dinamico.

Ora che hai più chiaro lo scopo dell’utilizzo dei due parametri, tramite le regole del Merchant Center andiamo a “copiare” il valore del link SENZA UTM in modo tale sovrascrivere la pagina dei destinazione dei prodotti provenienti dalle campagne Shopping e Remarketing Display.

Ripeti la medesima operazione anche per l’attributo display_ads_link. Logicamente puoi valorizzare i parametri direttamente dal feed senza utilizzare le regole di Merchant Center.

N.B:

ricordati di utilizzare gli attributi NON elaborati, andando quindi a scegliere gli attributi che contengono il nome del tuo feed: Feed nome.link. Ricordati sempre di effettuare un test del feed prima di applicare le regole.

Pro:

  • unico feed per annunci a pagamento e gratuiti;
  • le metriche in tempo reale in Google Analytics sono pulite;
  • la codifica manuale in Google Ads funziona correttamente;
  • miglior lettura dei nostri prodotti da parte di Google;

Contro:

  • bisogna fare solo un minimo di attenzione nella creazione delle regole.

Google Shopping e SEO

Aggiungendo gli UTM all’attributo link del nostro feed, stiamo “sporcando” l’url del nostro prodotto. La stessa cosa capita nel momento in cui abbiamo delle varianti di prodotto (ad esempio: scarpe numero X), in questo caso il link del prodotto conterrà anche i parametri di preselezione variante.

Per ottenere il massimo beneficio dalle schede di prodotto gratuite su Google, è importante che l’url riportato in Merchant Center sia lo stesso che viene mostrato nell’indice di ricerca. Questo passaggio, permette di aumentare la comprensione del tuo catalogo prodotti verso Google Bot.

Luca, ma abbiamo aggiunto gli attributi UTM a tutti i link? Come posso fare?

Ecco il trucchetto: puoi utilizzare l’attributo canonical_link [link_canonico] per inviare l’url del tuo prodotto senza attributi UTM tramite le regole del Merchant Center.

Impostare il canonical link tramite le regole di Google Merchant Center

Come puoi vedere nell’anteprima a destra, il sistema restituisce l’url del prodotto SENZA UTM.

N.B:

utilizza questa regola soltanto se il tuo catalogo non comprende prodotti con variabili e vuoi risolvere soltanto il problema degli UTM. Purtroppo le regole non permettono di rimuovere tutti i parametri nell’attributo canonical_link [link_canonico].
Contatta la tua agenzia di supporto, oppure utilizza dei software di Feed Manipulation (ad esempio: Channable, Data Feed Watch, Lengow, ecc…), ed inserisci direttamente nel feed il link del prodotto SENZA PARAMETRI.

Conclusioni

Abbiamo fatto una panoramica sulle potenzialità delle schede di prodotto gratuite, in particolar modo su Google Shopping gratis e come possiamo tracciare i risultati di questa “nuova fonte” in Google Analytics.

Se sei arrivato fino a questo punto, sei veramente un temerario 😀 Ti ringrazio per la lettura, aspetto un tuo feedback nei commenti qui sotto 👇🏻

3 risposte su “Come tracciare le schede gratuite di Google Shopping”

Ciao,
stavo impostando il vostro metodo per migliorare il monitoraggio della campagna shopping free ma mi sono un attimo arenato.
In regole feed sono andato a creare dapprima una regola di trasformazione con l’attributo link e inserendo i vari parametri utm; poi al secondo passaggio, quello relativo agli attributi ads_redirect e display_ads_link, non ho capito che tipo di regola andare ad impostare o se l’intervento va fatto all’interno di un’unica regola.

In attesa di vostro supporto.

Grazie per la guida e tip.

Ciao Luca e grazie per aver letto il mio articolo!

Devi creare due regole sperate, la prima per l’attributo ads_redirect e la seconda per l’attributo display_ads_link. Nella sezione MODIFICA ORIGINA seleziona il box imposta su e nel campo sottostante seleziona l’attributo NomeFeed.link.

Questo passaggio è spiegato nello STEP 2.

Se hai bisogno di ulteriori informazioni / chiarimenti commenta pure.
A presto

Grazie Luca,
tutto chiaro.
Mi ero confuso con il metodo 1 dove si dovevano gestire due feed, invece con questo metodo se ne usa uno unico con queste regole.

Ora non trovo l’attributo display_ads_link ma devo verificare dall’XML se non viene inviato al sistema.

Grazie

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Altri Articoli

Vuoi incrementare le entrate del tuo E-commerce?